Le terre fertili, ricche di acque sorgive, favorirono gli insediamenti umani nell’algherese. I reperti di Capo Caccia ci riportano al IV millennio a. C., mentre le domus de janas di santu Pedru e di Anghelu Ruju ci portano dal 3.500 a.C al 2.700. L’imponente complesso megalitico di Monte Baranta, con mura spesse 5/6 metri,fu invece abitato tra il 2500 e il 2000 a.C. L’età nuragica è documentata da varie torri, tra cui il nuraghe Palmavera. Anche i romani lasceranno ampie tracce del loro passare. Alghero nasce nel 1102, ad opera dei Doria. Poi fu occupata dagli aragonesi che ne espulsero gli abitanti, insediandovi popolazione spagnola. Oggi Alghero è rinomata per il suo bel centro storico, con belle chiese e imponenti bastioni, a testimoniare questo periodo. Ricordato anche dagli antichi riti della Settimana Santa, che fanno rivivere cupe atmosfere medioevali.

Ma sono anche gli spettacolari paesaggi naturali ad attirare i turisti: la splendida Grotta di Nettuno, il promontorio di Capocaccia e le splendide spiagge, tra cui primeggia quella di Santa Maria.