Sant’Ignazio da Laconi
A Cagliari, sul colle Buon Cammino sorge il convento dei Cappuccini, edificato nel 1591. E’ il primo Convento dei Cappuccini nato in Sardegna, ed è particolarmente rinomato perché qui visse per 40 anni Ignazio da Laconi. Questi nasce nel villaggio di Laconi nel 1701 e, per la sua salute cagionevole, fu mandato in questo convento, da cui però fu respinto, proprio per le sue condizioni di salute. In seguito fu accettato grazie alle raccomandazioni del marchese di Laconi. Essendo una persona semplice e illetterata, non sapendo né leggere né scrivere, fu destinato a fare il questuante e, per 40 anni, percorse le vie di Cagliari, diventando popolare per la sua umiltà. Fin qui la storia. Poi, alla sua morte, nel 1781, a 80 anni, nacquero attorno a lui svariate leggende, come quella dell’usuraio Franchino, alla cui porta Ignazio non bussava mai. L’usuraio se ne lamentò col priore che invitò Ignazio a passare anche da questi. Ma, dopo la visita, Ignazio tornò al convento con la bisaccia che trasudava sangue. E, alla meraviglia del priore, Ignazio rispose: “Questo è il sangue dei poveri!” Da quel giorno, prosegue la leggenda, Franchino capì il messaggio, si convertì , cambiando completamente il suo modo di fare. Il film contiene anche tante altre vecchie immagini anni ’50 della sua beatificazione e della Laconi di quei tempi.